Home EuropaItaliaBergamo Italia nascosta: il Moscato di Scanzo

Italia nascosta: il Moscato di Scanzo

di Valentina
colline bergamo scanzorosciate

Tra le colline del mio paese natio, Scanzorosciate, si nasconde una piccola perla dei prodotti DOCG italiani, la cui origine viene fatta risalire attorno all’anno 1000 a.C. Sto parlando di pregiato nettare rosso rubino, un moscato passito, frutto di un piccolo vitigno di 31 ettari, i cui filari regolari decorano il paesaggio intorno a casa mia. Si chiama Moscato di Scanzo.

colline bergamo scanzorosciate

Questo vino è frutto di un’antichissima tradizione ed è riconosciuto a livello europeo dagli anni ’70. Tuttavia, è grazie alla nascita di una recente manifestazione, che oggi, al nome di Scanzorosciate, spesso mi sento rispondere: “Ah sì, dove fanno il vino buono!”: nei primi giorni di Settembre, si tiene infatti la festa del Moscato di Scanzo. La frazione di Rosciate si trasforma in un percorso a tappe: tante casette di legno riempiono le vie del borgo storico, in cui i visitatori possono assaggiare per soli 3 euro al calice le varietà di Moscato dei diversi produttori autoctoni. Inoltre, le cantine presenti lungo il percorso sono aperte al pubblico.

moscato scanzo bottiglia

Il Moscato di Scanzo è un vino da meditazione, non tanto da pasto. E’ un vino di nicchia: la una produzione annuale è intorno alle 60.000/70.000 bottiglie. Si serve a 15° gradi in grandi calici. Meglio gustarlo da solo, ma si può assaggiare anche con formaggi erborinati, pasticceria secca, o con il cioccolato fondente.

Il Consorzio di Tutela lo descrive come:

“Complesso all’olfatto, dal sentore di prugna, confettura, rosa canina, marasca, salvia sclarea e sottobosco. Già da giovane presenta note terziarie come tabacco e cioccolato che si evolvono e si amplificano con l’invecchiamento. Dal gusto equilibrato ed elegante, moderatamente dolce. Morbido, vellutato, corposo con un’incredibile persistenza”.

Dovreste venire a provarlo! E magari fare una passeggiata lungo i numerosi itinerari (sotto, la mappa Itinerari e la mia Val Gavarno) tra centri storici, strade campestri e collinari, per scoprire paesaggi nascosti ma unici.

Vi aspetto!


Link utili:

 

You may also like

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.