Il Selciato del Gigante: la Meraviglia di un’Opera della Natura

di Valentina
0 commento

Il Selciato del Gigante: è la magnificenza dell’opera del mare unita alla potenza dell’attività vulcanica ad aver generato una scogliera leggendaria

Un nero mosaico di colonne in pietra, dalla forma esagonale ed insolitamente regolare, lambito dalle onde dell’oceano Atlantico… E’ difficile credere che la Giant’s Causeway (o Selciato del Gigante) sia opera della natura, e non dell’uomo.

Questa incredibile scogliera è l’unico sito Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO dell’Irlanda, e sarà certamente il luogo che renderà il tuo viaggio indimenticabile.

La formazione (in parole povere) del Selciato del Gigante

60 milioni di anni fa la costa di Antrim è stato oggetto di un’intensa attività vulcanica. La roccia fusa e fluida entrò a contatto con uno strato di gesso, e formò il vasto altopiano lavico.

La lava subì delle contrazioni, e le variazioni nella velocità di raffreddamento hanno portato alla formazione della struttura a colonne del Selciato del Gigante.

Visitare il Selciato del Gigante

Come tutti i siti turistici degni di essere visitati, in alta stagione e nei giorni feriali il Selciato del Gigante tende ad essere molto affollato. Per questo motivo, anche se il tramonto offre scatti suggestivi, ti consiglio di visitarlo all’apertura (9.00).

L’accesso è gratuito, ma il parcheggio e l’entrata al centro visitatori (la Giant’s Causeway Visual Experience) sono a pagamento.

selciato del gigante

Ci sono due modi per arrivare alla scogliera. Ti consiglio di seguire il tracciato percorso dalla audioguida che ti verrà fornita dal centro visitatori. Da qui parte una strada asfaltata in discesa, percorsa anche dal servizio di autobus, per chi non può camminare.
In circa 15 minuti sarai proprio sul Selciato, mentre ascolti la leggenda del gigante creatore di questa formazione rocciosa, e di tutti gli elementi del panorama legati a lui.
Lo stivale, la nonna di Finn, il cammello… E’ un racconto divertente, che piacerà anche ai più piccoli.

selciato del gigante

Per il ritorno, raggiungi la cima della scogliera percorrendo la ripida scalinata di Shepherd’s Steps (perché qui i pastori trasportavano in spalle le pecore), per una vista impagabile.

Selciato del Gigante

Se hai tempo, dopo aver visitato il Selciato, puoi proseguire fino al punto panoramico dell’Anfiteatro, per ammirare le canne dell’Organo del gigante, e tornare al punto di arrivo sempre percorrendo la salita di Shepherd’s Steps. Tutti i percorsi disponibili sono segnalati sulle piantine presenti sul luogo.

La leggenda del Selciato del Gigante

Grande fu la meraviglia di coloro che per la prima volta scoprirono questa scogliera. Per questo motivo, gli irlandesi attribuiscono la creazione del Selciato del Gigante alle gesta di Finn MacCool.

fionn mac cumhaill

Racconta la leggenda che Finn viveva felice con la moglie Una nel suo grande castello in riva al mare, nella contea di Antrim. Per passare il tempo, un giorno decise di costruire, pietra dopo pietra, un percorso che attraversasse il mare verso la Scozia.

Una sera però, proprio grazie a questo selciato che Finn stava costruendo, un messaggero bussò alla sua porta… “Vengo dalla Scozia, e porto un messaggio da parte del possente Benandonner. E’ il gigante più alto e più forte di tutta la Scozia. Ha battuto tutti gli altri in combattimento, ma ha sentito i racconti sulla tua grande forza e vuole combattere. Accetti la sua sfida?”
“Ovviamente!” Rispose Finn. Ma Una lo osservava con un’espressione molto preoccupata.
“Non avresti dovuto accettare. Lui è molto più grande e più forte di te!” Gli rivelò poi.
“Beh, se non posso batterlo con la mia forza, allora devo pensare a un piano.”

I giorni passavano, ma i due non riuscivano ad escogitare un piano che fosse abbastanza astuto per sconfiggere Benandonner.
Finchè il messaggero tornò, e Finn aveva pensato di arrendersi. Ma Una lo anticipò, dicendo: “Digli che Finn è pronto per battersi!”
Il gigante era sconvolto dalla paura, ma Una lo rassicurò con uno sguardo. “Ho un piano”, bisbigliò al marito.

Il giorno del combattimento giunse. Benandonner era quasi arrivato, e Una diede a suo marito degli enormi vestiti da neonato.
“Indossa questi” disse a Finn, “e fingi di dormire in questa grossa culla che ho fatto costruire apposta.”
Ancora Finn non capiva, ma decise di affidarsi all’astuzia di Una.
Bussando alla porta con violenza, Benandonner tuonò: “Dov’è Finn? Sono venuto apposta dalla Scozia per battermi con lui!”
Una lo accolse con gentilezza: “Oh, è andato a pescare, signore, ma tornerà presto.” E poi, indicando la culla dove Finn fingeva di dormire, aggiunse: “Per favore, il mio bimbo si è appena addormentato. Potrebbe abbassare la voce?”
Benandonner vide l’enorme culla. “Quello è il figlio di Finn?!” E immediatamente immaginò quanto potesse essere gigantesco il padre di un tale piccolo bestione.
Allora non esitò un secondo, e corse via dal castello, per ripercorrere il selciato e raggiungere sano e salvo la Scozia. Volle però accertarsi che Finn non lo avrebbe mai seguito. Distrusse così il sentiero che il suo rivale aveva costruito attraverso il mare.
Benandonner lasciò intatta solo una parte del Selciato del Gigante, che anche oggi noi possiamo ammirare.

selciato del gigante


Sharing is caring! Condividi questo post con la persona con cui vorresti ripercorrere i passi del gigante Finn MacCool 😉

You may also like

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.